Duro sogno

el

By Franco Bonvini

Sai quando apri il gas, al semaforo
che una così non l’hai mai provata e vuoi proprio vedere fin dove arriva..
E lei risponde bene, schizza via veloce, cantando in sol
e nell’ eccitazione quasi quasi ti diventa duro.
Poi ti accorgi che hai oltrepassato la piazza
e quattro incroci che neanche hai visto
e il quasi si sgonfia.
O quando il vagoncino dell’ ottovolante arriva sulla cima, sparato da un cannone,
e resta fermo un attimo lunghissimo
mentre sul soffitto del tendone, nel buio, volteggiano pianeti e stelle
ma poi quell’attimo finisce e cadi
e l’ incanto svanisce, e anche l’ eccitazione.
Ma più ancora è quando le guardi il culo
ben fasciato nel suo abitino azzurro troppo corto
e mentre guardi si inchina a raccogliere qualcosa
e lei lo sa cosa succede quando si inchina
come lo sa che stai a guardare il rosso spuntare dall’ azzurro.
Ecco, lì sì che si fa duro davvero.
Senza quasi.
Non c’è moto o razzo che tenga.
Ma poi si alza e se ne va con quel qualcosa raccolto,
e con lei anche il senza quasi se ne va.

Un comentario Agrega el tuyo

Deja una respuesta

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s