Elettrica Fantastica di Alberto C.

Specchio specchio delle mie brame chi è la più feroce del reame? La più guerriera del reame? La più bella? Elettrica aveva letto parecchi articoli sull’ipnosi e sull’auto convinzione di diventare il TOP non capendo in verità granchè. Non perchè la bella scontrosa ragazza, rossa di capelli e di temperamento, della bassa pianura, della linda…

Io di Valeria Rossitto

https://raccontiondivaghi.wordpress.com/2019/01/15/io/ Una musica, una voce. Delle fotografie dai toni azzurri e strade sconosciute. Un profilo, un’ombra, Dibutade. Delle corde pizzicate, dei tasti bianchi e neri. Un profumo, gelsomini e il Narciso. Un’isoletta sul mare. Un terrazzo di una villetta di borgata e il cielo come tetto. Una valigia celeste e tanti aerei. Tre lingue, cinque…

Elettrica Polemica di Alberto C.

Elettrica di nome ed elettrica di pensiero, rossa di capelli e di pensiero, seguiva il correre delle stagioni con apatia. Non che fosse insensibile e apatica, non che fosse una piattola depressa, anzi. Pensava e rifletteva continuamente in che modo potere cambiare il mondo e l’avvenire di una parte dell’umanità, lei povera ragazza sfigata di…

Elettrica Ipnotica di Alberto C.

Elettrica non considerava il trascorrere del tempo come un fatto drammatico per vivere male la sua vita. In fondo il passare delle stagioni era una cosa che non poteva essere modificata. Lo era da quando c’era il mondo, da milioni (o miliardi?) di anni, lo aveva detto anche la sua prof di scienze un paio…

Elettrica Nevrotica di Alberto C.

Elettrica non aveva un carattere ben definito perché come detto in precedenza, al mattino si sentiva sempre nuvolosa o nebbiosa anche se c’era il sole di luglio. Al pomeriggio inoltrato invece si sentiva a suo agio. Odiava il sapersi impegnata in qualcosa anche se non aveva da fare nulla se non scorrazzare con la sua…

La casa sulla collina, storia di Alberto C.

Nulla era più distante della realtà che la visione della casa in rovina sulla collina, detta anche del “crepuscolo” a causa di strani giochi di luce. Giochi di luce che riaffioravano dagli incubi di tanti ragazzini, fattisi nel frattempo uomini, che avevano avuto la sfortuna di nascere in quella remota e poco felice contrada. Quando…