Considerazioni attuali sulla guerra… by Gennaro Rinaldi

“La guerra a cui non volevamo credere è invece scoppiata, e ci ha portato.. la delusione. Non soltanto è più sanguinosa e rovinosa di ogni guerra del passato, a causa dei tremendi perfezionamenti portati alle armi di offesa e di difesa, ma è anche tanto crudele, accanita, spietata […]. Essa infrange tute le barriere riconosciute in tempo di pace e costituenti quello che si diceva il diritto delle genti, non riconosce le prerogative del ferito e del medico, non distingue fra popolazione combattente e popolazione pacifica, viola il diritto di proprietà. Abbatte quanto trova sulla strada con una rabbia cieca … Continúa leyendo Considerazioni attuali sulla guerra… by Gennaro Rinaldi

Serendipity by Gennaro Rinaldi

“Molti dei bivi più importanti delle nostre vite sono il risultato di casi banali” Albert Bandura Serendipità significa scoprire qualcosa di importante senza cercarlo. La storia del termine serendipità probabilmente si può collegare a una storia che attinge ad un’altra storia. Il 28 gennaio del 1754 Sir Horace Walpole, quarto conte di Oxford scrisse una lettera a Horace Mann dove descriveva una scoperta fortuita e fortunata che aveva fatto da poco. Cercando nella sua biblioteca personale, trovò per caso un blasone che decorava anche un quadro rinascimentale che proprio l’amico Horace Mann gli inviò da Firenze, quando aveva servito la … Continúa leyendo Serendipity by Gennaro Rinaldi

Pallone&Psiche: Tra Presenza e Assenza – il vuoto dagli spalti del desiderio.

Pallone&Psiche, rubrica a cura dei Dott.ri Giusy Di Maio e Gennaro Rinaldi (ilpensierononlineare | Riflessioni e sguardi non lineari sulla Psicologia) in collaborazione con “Il ciuccio sulla maglia del Napoli”, https://ciucciomaglianapoli.com/ a cura di Giulio Ceraldi. Eccoci con il nostro appuntamento con la rubrica Pallone & Psiche, rubrica in collaborazione con Giulio Ceraldi (https://ciucciomaglianapoli.com/ ) Lo stadio è quasi vuoto. Bucato. Immagina: hai tutti I riflettori puntanti addosso, sudi.. cerchi di mantenere il ritmo del respiro costante… Il cuore fa “bum..bum..bum..” sei lì.. con un piede ancora fuori e uno quasi sul rettangolo verde che profuma di sfida. Alzi lo sguardo, giri il … Continúa leyendo Pallone&Psiche: Tra Presenza e Assenza – il vuoto dagli spalti del desiderio.

Il “complesso di superiorità” by Gennaro Rinaldi

(blog de Gennaro) “Più piccola è la mente più grande è la presunzione.” Esopo Il complesso di superiorità è, secondo Adler, una supercompensazione di un sentimento di inferiorità. Mediante questa compensazione, la persona con complesso di superiorità, si struttura una finzione, che ingigantisce la propria autostima e svaluta l’opinione e la stima per gli altri. “Questo sforzo psichico compensatorio si svolge spesso, per poter superare le situazioni difficili della vita, su nuove vie, ed appare abbastanza esperto per adempiere in modo meraviglioso allo scopo di mascherare il deficit di cui si ha la sensazione. Il modo più diffuso, con cui … Continúa leyendo Il “complesso di superiorità” by Gennaro Rinaldi

Definirsi e farsi definire… by Gennaro Rinaldi

(Link blog di Gennaro) “Non dobbiamo permettere alle percezioni limitate degli altri di definire chi siamo.” Virginia Satir Un giorno arrivarono allo studio un ragazzo e sua madre. Il ragazzo aveva poco più di 20 anni, la madre molto giovanile, sicura e eccessivamente gioviale, esordisce dicendo: “Dottore piacere, lui è mio figlio T. . Finalmente! Non vedevo l’ora di venire a questo appuntamento.“ “Il piacere è mio signora, come mai era così ansiosa di vedermi?” “Non lo vede?” “Cosa devo vedere?” “Mio figlio.. lo vede? (lo indica con lo sguardo, mentre il figlio si mostra annoiato e contrariato, abbassando lo … Continúa leyendo Definirsi e farsi definire… by Gennaro Rinaldi

Resilienza – la capacità di resistere trasformandosi – PODCAST By Gennaro Rinaldi

Con la nostra prossima tappa voleremo su territori apparentemente conosciuti, scopriremo che dove ci sono in apparenza solo rovine e nient’altro, in realtà si possono scovare grandi tesori. Possiamo pensare alla resilienza come ad una capacità innata di ogni essere vivente. Noi tutti abbiamo la potenzialità innata di sfruttare le nostre capacità resilienti.Buon Ascolto.. Resilienza – la capacità di resistere trasformandosi – PODCAST – Spreaker Continúa leyendo Resilienza – la capacità di resistere trasformandosi – PODCAST By Gennaro Rinaldi

Cleptomania. L’impulso irresistibile del furto.

By Gennaro Rinaldi Il termine cleptomania (dal greco kléptein – rubare), fu usato per la prima volta nel 1838 dall’alienista francese Jean-Etienne Dominique Esquirol che utilizzò il termine per indicare una propensione ad un impulso difficilmente controllabile del furto, causata probabilmente da un disturbo psichiatrico. Lo psichiatra Bleuler in seguito, osservo che in queste persone non c’erano altri comportamenti di tipo antisociale e che spesso gli oggetti rubati non avevano particolare valore. Addirittura nel XIX secolo i clinici e i medici in generale, osservarono che in prevalenza il disturbo si presentava nelle donne e lo associarono a possibili disfunzioni uterine, … Continúa leyendo Cleptomania. L’impulso irresistibile del furto.

Freud e il sogno: i sogni infantili. by Gennaro Rinaldi

Blog di Gennaro Secondo Freud non solo il sogno, appare come la migliore preparazione per lo studio delle nevrosi, esso è anche un sintomo che ha il vantaggio di essere presente in tutte le persone sane. Esso diventa in tal senso oggetto di indagine psicoanalitica, interpretarlo significa trovare un senso nascosto. L’unico prezioso contributo della scienza esatta, alla conoscenza del sogno, si riferisce all’influenza che sul contenuto del sogno hanno gli stimoli somatici attivi durante il sogno. Il sogno costituisce la vita della psiche durante il sonno, ha alcune somiglianze con la veglia, ma se ne discosta per grandi differenze. … Continúa leyendo Freud e il sogno: i sogni infantili. by Gennaro Rinaldi

La Sindrome di Stoccolma by Gennaro Rinaldi

Blog di Gennaro Siamo a Stoccolma è il 23 agosto del 1973, ore 10:15. Una banca della Sveriges Kreditbanken viene assaltata da un criminale evaso di nome Jan-Erik Olsson (32 anni). Olsson prende in ostaggio quattro persone e chiede che gli venga consegnato il contenuto delle casseforti della banca. Ne frattempo, sul posto, arrivano le forze dell’ordine. Cominciano le trattative e una lunga attesa snervante. Olsson, si barrica bene nella banca e forte dei suoi ostaggi, riesce a negoziare per il rilascio di un suo vecchio compagno di cella che lo raggiunge nell’edificio della banca. Passano tante ore (in tutto … Continúa leyendo La Sindrome di Stoccolma by Gennaro Rinaldi

I meccanismi cognitivi del gioco d’azzardo.

By Gennaro Rinaldi Perché il gioco d’azzardo in tutte le sue forme, legali o no, ha così successo? Sembra strano ma è proprio la rarità di un evento che ci fa sopravvalutare le possibilità che si verifichi. Proprio per questo ci facciamo l’illusione che vincere al gioco sia meno difficile di quanto lo sia in realtà. In tutti i tipi di gioco (a partire dalle lotterie e dai giochi nazionali, scommesse, macchine da gioco..) le possibilità di vincere un premio (in particolare il primo premio) sono davvero remote, di contro le probabilità di perdere sono decisamente molto più alte di … Continúa leyendo I meccanismi cognitivi del gioco d’azzardo.

Il Tempo è un emozione… By Gennaro Rinaldi

Il 18 luglio di due anni fa ci lasciava Luciano De Crescenzo scrittore, regista, attore e conduttore televisivo napoletano. Svolse la professione di Ingegnere all’IBM prima di dedicarsi alla narrativa, alla saggistica e allo spettacolo. Ecco il testo della prima parte della clip, dal film “32 dicembre” di Luciano De Crescenzo: “Il tempo è un’emozione, ed è una grandezza bidimensionale, nel senso che lo puoi vivere in due dimensioni diverse: in lunghezza e in larghezza. Se lo vivete in lunghezza, in modo monotono, sempre uguale, dopo sessant’anni, voi avete sessant’anni. Se invece lo vivi in larghezza, con alti e bassi, … Continúa leyendo Il Tempo è un emozione… By Gennaro Rinaldi

Profezie…

by Gennaro Rinaldi Blog “La profezia dell’evento porta all’avverarsi della profezia. La sola condizione è che ci si profetizzi o ci si faccia profetizzare qualcosa, e che la si ritenga un fatto imminente e di forza maggiore. In questo modo si arriva proprio là dove non si voleva arrivare.” Paul Watzlawick Una profezia che si autodetermina si può avere quando un individuo, timoroso, si convince così tanto del verificarsi di eventi futuri che modifica il proprio comportamento (anche in maniera inconsapevole), in modo tale da causare gli eventi stessi che lo intimorivano e che aveva previsto o che gli avevano previsto. … Continúa leyendo Profezie…

Vivere l’Hic et Nunc: possibili vantaggi e rischi evidenti..

by Gennaro Rinaldi Blog Prendo spunto da un post sull’ “Hic et nunc” di Alessia (Erbe del benessere) di un paio di giorni fa. In effetti l’argomento è molto interessante e merita una (doppia) riflessione in quanto in parte già la mia collega Giusy ha avuto modo di approfondire nell’articolo di ieri: Frat(tempo) e Hic et Nunc. La questione di vivere nell’Hic et Nunc, nel qui ed ora, liberi da vincoli temporali passati e futuri è vivere nella consapevolezza del momento presente. Vivere il presente, “l’adesso” senza rimandare e senza aspettare situazioni o momenti più propizi. I vantaggi di questo … Continúa leyendo Vivere l’Hic et Nunc: possibili vantaggi e rischi evidenti..

Night eating Syndrome (Sindrome da Alimentazione Notturna)

by Gennaro Rinaldi Blog La Sindrome da Alimentazione Notturna è stata descritta per la prima volta nel 1955 da Albert Stunkard. Questa sindrome è ormai riconosciuta come un Disturbo del Comportamento Alimentare ed è inserita nel DSM IV (come disturbo alimentare non altrimenti specificato) e più recentemente nel DSM V (nella categoria “Other Specified Feeding or Eating Disorder”). Nello specifico questo disturbo è caratterizzato da una perdita del controllo sul cibo durante le ore notturne (iperfagia serale) e un alimentazione quasi nulla durante le ore diurne. Che significa generalmente, scarso appetito durante il giorno e anoressia mattutina. In genere la … Continúa leyendo Night eating Syndrome (Sindrome da Alimentazione Notturna)

L’oggetto transizionale – la coperta di Linus

by Gennaro Rinaldi Blog Il termine “oggetto transizionale” è stato introdotto da Donald Winnicott e indica un oggetto come una copertina, un fazzoletto, un giocattolo, un peluche che un bambino (generalmente tra i quattro e i dodici/diciotto mesi) tiene con sé per addormentarsi, per calmarsi.. questi oggetti assumono quindi per i bambini un significato davvero speciale. L’uso dell’oggetto transizionale rappresenta generalmente una fase di passaggio che aiuta il bambino nella percezione di un oggetto come separato dal soggetto (me); queste attività di manipolazione sono corredate da fantasie e sono definite da Winnicott come fenomeni transizionali . Diciamo che è quell’ “oggetto” … Continúa leyendo L’oggetto transizionale – la coperta di Linus

Night eating Syndrome (Sindrome da Alimentazione Notturna) by Gennaro Rinaldi

Articulo publicado en masticadoresFocus. blog de Gennaro La Sindrome da Alimentazione Notturna è stata descritta per la prima volta nel 1955 da Albert Stunkard. Questa sindrome è ormai riconosciuta come un Disturbo del Comportamento Alimentare ed è inserita nel DSM IV (come disturbo alimentare non altrimenti specificato) e più recentemente nel DSM V (nella categoria “Other Specified Feeding or Eating Disorder”). Nello specifico questo disturbo è caratterizzato da una perdita del controllo sul cibo durante le ore notturne (iperfagia serale) e un alimentazione quasi nulla durante le ore diurne. Che significa generalmente, scarso appetito durante il giorno e anoressia mattutina. … Continúa leyendo Night eating Syndrome (Sindrome da Alimentazione Notturna) by Gennaro Rinaldi