Leggere l’autunno —01

By Pina Bertoli (blog di Pina)

Domani 02//

Abbiamo ormai messo i piedi nell’autunno, una stagione che coinvolge i nostri sensi a tutto tondo. I profumi nell’aria, che ci avvolgono quando passeggiamo in campagna o nei parchi cittadini, con passi scricchiolanti su tappeti di foglie dorate e arancioni; la luce tagliente, limpida dopo un temporale, oppure offuscata dalla nebbiolina, specialmente al mattino o verso sera; il camino acceso e l’odore di legna bruciata; il profumo delle castagne arrostite, di una cioccolata calda, l’aroma di tè e tisane… In questa stagione è molto rilassante abbandonarsi su una poltrona, con un libro in mano e dedicarsi alla lettura.

(Copertina, photo credits: Mattia Marasco)

Autunno Sansicario

L’autunno è una stagione amata dagli artisti, che ha ispirato scrittori e poeti, pittori e musicisti. Quel misto di malinconia, di nostalgia e di pigrizia è spesso una scintilla che solletica l’ispirazione e innesca un mood propizio alla creazione. L’autunno è spesso utilizzato come ambientazione naturale ma è anche inteso in senso metaforico, come il declino di un’epoca, di una stagione, di una società e dei suoi valori.

Che ne dite di cercare un romanzo ispirato a questa stagione, così da lasciarsi conquistare dall’atmosfera un po’ sospesa e volatile di storie senza tempo?

Vi lancio qualche proposta e aspetto di ricevere anche i vostri suggerimenti.

Il romanzo della scrittrice inglese fu pubblicato postumo dal fratello. La scrittrice iniziò a lavorare a questo romanzo immediatamente dopo aver finito Emma. È l’ultima opera completa scritta poco prima dell’aggravarsi della malattia di Addison che la porterà alla morte nel luglio del 1817. Il titolo del romanzo si riferisce alla persuasione che ha subito Anne Elliot nel rifiutare il Capitano Wentworth e a quella che gli altri personaggi del romanzo subiscono o rifiutano di subire. Il titolo del romanzo non fu scelto dalla scrittrice, infatti molti critici ritengono che il titolo del romanzo sarebbe stato The Elliotts, ma la scrittrice morì prima di pubblicare il libro e quindi di scegliere il titolo.

Al centro della vicenda Sir Walter Elliot, uomo orgoglioso e pieno di sé, e le sue tre figlie, Elizabeth, Anne e Mary. Rimasto vedovo assai presto, Sir Walter affida la giovane figlia Anne alla sua tutrice perché ne curi l’educazione. Ma, innamoratasi di un giovane ufficiale di Marina, su sollecitazione della sua mentore che ne sottolinea di continuo la mancanza di mezzi Anne rompe il fidanzamento. Otto anni dopo però lo rincontra. Amaramente pentitasi del passo compiuto a suo tempo, decide quindi di giocarsi ogni possibilità. Anne diventa così sempre più consapevole dei propri desideri. Anne si gode lo spettacolo delle foglie cadute mentre cammina per strade nebbiose, tra siepi ingiallite, e osserva la natura che cambia. Persuasione ci racconta la presa di parola di una donna, che riconosce finalmente il desiderio più profondo del proprio cuore ed evolve di pari passo con la propria consapevolezza. Deliziosa satira sociale dell’Inghilterra di inizio Ottocento, il libro è una struggente storia d’amore di due amanti separati da differenze di classe, nonché il romanzo della piena maturità letteraria di Jane Austen.

Flaubert educazione sentimentale

Partiamo da un grande classico. L’educazione sentimentale di Gustave Flaubert, inizia nel mese di settembre: la storia della passione, mai appagata e mai sopita, del giovane Frédéric Moreau per Madame Arnoux è la rappresentazione universale dell’amore possibile, intravisto e sognato. E non vissuto. Percorrendo la vita di Frédéric, Flaubert ci mostra le falle di una società borghese e il crollo di una generazione perduta.

Calvino Marcovaldo

E poi un libro che mi è molto caro, Marcovaldo, di Italo Calvino. “Personaggio buffo e melanconico, Marcovaldo è il protagonista d’una serie di favole moderne” scrisse Italo Calvino, segnando, come in un suo bloc-notes, avvenimenti impercettibili nella vita di una grande città industriale, quali possono essere il passaggio di una nuvola carica di pioggia o l’arrivo mattutino di uno sbuffo di vento.

Bradbury paese d'ottobre

Paese d’ottobre, di Ray Bradbury. Ottobre è per Bradbury il mese del declino dell’estate, del sorgere dell’ombra e dell’oscurità, del diverso. Quale migliore occasione per narrare alcune vicende umane, avvolte nel mistero?Siamo nel Midwest, in America, il luogo dove lo scrittore ha vissuto la sua infanzia. Il libro è composto da diciannove racconti fantastici: avventurosi, misteriosi, bizzarri e paurosi. Naturalmente il mese in cui i fatti si svolgono è ottobre: momento ideale per l’avverarsi di storie inusuali e un po’ magiche.

Nemirowsky i falò dell'autunno

I falò dell’autunno di Irène Némirovsky. “Vedi,” dice la nonna alla nipote, immaginando di prenderla per mano e condurla attraverso vasti campi in cui vengono bruciate le stoppie “sono i falò dell’autunno, che purificano la terra e la preparano per nuove sementi“. La fine delle grandiose illusioni della Belle Epoque, la rovina finanziaria, e poi un’altra guerra…

Smith autunno

Autunno di Ali Smith. Primo romanzo di una tetralogia in corso d’opera ispirata alle quattro stagioni, Autunno è costruito come un caleidoscopio di aneddoti, visioni, salti nel tempo: gli episodi quotidiani della vita di Elisabeth si mescolano ai sogni di Daniel e ai ricordi dell’amicizia inconsueta e profonda che lega i due fin dall’infanzia della ragazza. Attorno ai loro incontri, si agita un paese in crisi, diviso politicamente e minato dall’intolleranza e dalla paura

Robertson l'ultima stagione

L’ultima stagione di Don Robertson. Il viaggio on the road di una coppia di anziani nel cuore dell’America, alla ricerca del significato di un’intera esistenza.  Una delicata ode alla vita, intelligente, spassosa, mai lugubre. Un’elegia dello spirito umano, che passa attraverso una scrittura potente, senza sfumature o compromessi.

Tartt Dio di illusioni

Dio di illusioni, di Donna Tartt.  Ambientato nel paesaggio autunnale e deserto del Vermont. Un piccolo raffinato college. Cinque ragazzi ricchi e viziati e il loro insegnante di greco antico, un esteta che esercita sugli allievi una forte seduzione spirituale. A loro si aggiunge un giovane piccolo borghese squattrinato. In pigri weekend consumati tra gli stordimenti di alcol, droga e sottili giochi d’amore, torna a galla il ricordo di un crimine di inaudita violenza. Per nascondere il quale è ora necessario commeterne un altro ancora più spietato…

Zafon l'ombra del vento

L’ombra del vento di Carlos Ruiz Zafón . Il capolavoro dello scrittore catalano prematuramente scomparso quest’anno. Carlos Ruiz Zafón ha descritto ne L’ombra del vento le vicende di Daniel, ragazzino che viene a conoscenza del “Cimitero dei libri dimenticati”, un luogo dove gli scritti vengono abbandonati dagli uomini. Troverà qui un manoscritto maledetto, che cambierà radicalmente la sua vita.

Haruf benedizione

Benedizione, di Kent Haruf. In questo splendido romanzo troverete le atmosfere della campagna americana, l’autunno ventoso che arriva a Holt, e che colora gli alberi di rosso e di giallo. (la mia recensione)

Deja una respuesta

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s