Into the Abyss with Kafka

el

by Luisa zambrotta (Blog)

“Posso amare solo ciò che posso mettere così in alto al di sopra di me da non poterlo raggiungere”

Il romanziere Franz Kafka, uno dei maggiori scrittori di narrativa in lingua tedesca del 20° secolo. nacque il 3 luglio 1883 (vedi qui)
Nel 1919 fu contattato da Milena Jesenskám, scrittrice, giornalista e traduttrice, che gli chiese il permesso di tradurre una sua opera dal tedesco al ceco.
Iniziò così un’intensa e sempre più appassionata corrispondenza, durante la quale si incontrarono di persona soltanto in un paio di occasioni-
Milena era sposata e non volle mai a lasciare il marito, quindi, se a volte il “genio per la vita” di Milena riuscì a dare a Kafka una nuova vita, alla fine lo esaurì, per cui Kafka interruppe bruscamente la relazione e la loro comunicazione quasi quotidiana nel novembre 1920.
Nel 1924 Kafka morì in un sanatorio vicino a Vienna e Milena morì nel 1944 per mano dei nazisti, lasciando queste lettere come una commovente testimonianza della loro relazione.

Lettere a Milena:

“… ma se ti impegni con me, salti nell’abisso.”

“La giornata è così breve. Passa e finisce con te e oltre a te ci sono solo sciocchezze. Mi resta poco tempo per scrivere alla vera Milena, perché la più vera Milena è stata qui tutto il giorno, nella stanza, sul balcone, tra le nuvole.”

“Forse non è amore quando dico che sei ciò che amo di più — sei il coltello che col quale frugo dentro me stesso, questo è amore.”

“… perché sono un essere umano, con tutti i tormenti che questa condizione estremamente vaga e orribilmente responsabile comporta? Perché non sono, per esempio, l’armadio felice nella tua stanza, che ti tiene in piena vista ogni volta che sei seduto sulla sedia o alla scrivania o quando sei coricata o dormi?”

“Ti vedo china sul tuo lavoro, con il collo scoperto, sono in piedi dietro di te, ma tu non lo sai – ti prego non spaventarti se senti le mie labbra sulla nuca, non intendevo baciarlo, è solo amore che non si può evitare.”

“Scrivere lettere … significa esporsi ai fantasmi… I baci scritti non arrivano mai a destinazione, ma vengono bevuti dai fantasmi lungo il tragitto.”

Photo: Prague

2 Comentarios Agrega el tuyo

  1. Grazie di cuore, carissimo Juan💗💗💗

    Le gusta a 1 persona

Deja una respuesta

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s