Il giardino che non c’è by Franco Bonvini

el

Il blog di Franco

Pian piano i luoghi che ti son piaciuti cambiano
e non parlo dei paesaggi, delle cose o delle case,
è qualcosa nell’aria, troppo piena e pesante
come una sensazione di non essere più solo
che non ci sia più un rifugio dove poter star solo.
Un posto come quel giardino dietro al portone
in portone a cui non so mai suonare
ma non per non vedere quel che non c’è più
ma perchè in cortile non c’è lei alle finestre
a sorridere e guardare e da lei non ti puoi più nascondere.
Neanche ai gradoni della torre si può stare in pace
la torre col riquadro di cielo
quei gradoni antichi dove una volta ti potevi rifugiare
e allora si prosegue
verso il lago
tra la gente che non tace
e arrivati sulle rive i fiori gridano che non c’è più pace.

2 Comentarios Agrega el tuyo

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Google photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s