DIALOGO ELETTRICA – MISTER X



MISTER X: Ti vedo meglio, Elettrica e…

ELETTRICA: Ti ho detto di non chiamarmi così. Mai

MISTER X: Come posso non chiamarti se sei davanti ai miei occhi

Elettrica accavalla le gambe e si nasconde il viso con i capelli, poi lo libera ma non guarda in faccia l’interlocutore.

ELETTRICA: Ci sono cose che non…non…

MISTER X: Non?

ELETTRICA: Hai detto di…di vedermi meglio? Meglio come?

Mister X sorride @ Elettrica sorride di riflesso, ma rimane sospettosa.

MISTER X: Ti vedo più rilassata, più…fresca

Elettrica incrocia le braccia scuote il capo.

ELETTRICA: Fresca? Cosa…cosa significa?

MISTER X: Rilassata

ELETTRICA: Fresca mi sembra…sembra qualcosa di sessuale. Non mi piace

MISTER X: Il fatto che ricevi un complimento semplice non vuol dire niente di…

Elettrica si copre la bocca con le mani, con un salto balza in piedi e se ne va.



Dialogo ELETTRICA – MAMMA



MAMMA: Ele, sei vestita sempre in abiti militari

Elettrica passa le punta delle dita sui pantaloni attillati mimetici.

ELETTRICA: Sono un soldato, mamma. Un soldato è sempre pronto per la battaglia

MAMMA: Ele, di quale battaglia parli? Non c’è nessuna guerra qui da noi e…

Elettrica la interrompa con un cenno della mano.

ELETTRICA: La vita è una guerra, anche senza vedere cannoni e fucili

MAMMA: Non sei serena, Ele, devi vedere il lato…

Elettrica la interrompe di nuovo dandosi una pacca sulla coscia verde militare.

ELETTRICA: Perchè mi chiami sempre Ele?

Mamma, in difficoltà: Scusami Elettrica, non ho nessuna intenzione di…

Ormai la frittata è fatta.

Elettrica salta in piedi con mossa felina facendo ondeggiare i capelli rosso fiamme dell’inferno

ELETTRICA: Ti vergogni a chiamarmi col mio nome. Ele può essere anche Eleonora o Elisa o…o che cavolo ne so!

MAMMA: No era solo un accorciativo. Ti ho chiamato io così. Perchè non dovrebbe piacermi il tuo nome?

Elettrica si fa cadere sul divano poco convinta.




DIALOGO ELETTRICA – DOTTORE



DOTTORE: Signorina, prenda queste gocce quando sente di avere sintomi d’ansia.

ELETTRICA: Ma io voglio sapere perchè mi viene questa cavolo di ansia, non voglio rimedi, voglio risposte.

VOGLIO RISPOSTE! (VOGLIO FOTTUTE RISPOSTE)

DOTTORE: Vede, signorina, le risposte deve trovarle dentro di sè, io posso solo indicarle un metodo per alleviarle quei sensi di disagio che prova qualche volta.

Elettrica emette un sospiro seccato.

ELETTRICA: Cosa vuol dire guardarsi dentro, devo mettermi una torcia elettrica in bocca e guardarci dentro?

Il dottore fa una smorfia quasi divertita.

Dottore: Sono cose che possono succedere. La mente dà segnali di possibili disagi, il corpo reagisce.

Ci si può sentire spossati, in crisi per svariati motivi. Trovi la via per trovare la serentità.

ELETTRICA: Come ho detto prima solo parole e nessuna soluzione. Nessuno dà risposte. VOGLIO RISPOSTE!

Il dottore alza le spalle.



DIALOGO ELETTRICA – RAGAZZO RASTA



ELETTRICA: Senti ma tu chiami tutte quelle che non conosci “SORELLA?”

RAGAZZO RASTA: Hanno importanza i nomi?

ELETTRICA: No!

RAGAZZO RASTA: Allora siamo d’accordo, sorella.



Albert 20/3/2021

https://povertaricchezza.org/2021/03/28/elettrica-critica-dialoghi-monologhi-silenzi-sospetti-di-ragazze-di-provincia/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=elettrica-critica-dialoghi-monologhi-silenzi-sospetti-di-ragazze-di-provincia