Il sogno di Charlotte (13 parte) di Laura Clemente

el

1950…

Angela si trovava alla finestra e contemplava il cielo che si mischiava al blu del mare. Erano appena tornati dalla loro luna di miele lei e Will. Si erano sposati solo dopo pochi mesi che si conoscevano, ma il loro amore era sbocciato fin da subito. A Will era bastato raccogliere un germoglio e ad Angela annaffiarlo giorno per giorno. Finalmente era spuntato un fiore e a breve anche il primo grandioso frutto del loro amore.


Will raggiunse Angela alla finestra e la strinse in un caloroso abbraccio. Poi le sussurrò un “ti amo” all’orecchio e i due novelli sposi finirono per fare l’amore.

Quel giorno avevano come ospiti Steve e Anna, anche loro appena tornati dalla luna di miele. Erano stati a Santo Domingo per un po’ e sull’altra sponda, ad Haiti per l’altra metà del soggiorno.

Angela stava preparando il pranzo, mentre Will tagliava la legna nel giardino. Quando videro una macchina parcheggiarsi di fronte casa loro, capirono che si trattava dei loro amici.

Anna era la sorella di Angela, mentre Steve il migliore amico di Will da sempre. Erano inseparabili, avevano trascorso tutte le gioie delle estati insieme nonché i dolori della guerra. Entrambi avevano combattuto sul fronte in prima linea e avevano incrociato la morte diverse volte. Per fortuna erano stati salvati dalle due sorelle quel giorno, altrimenti i nazisti avrebbero ridotto Steve e Will in due cumuli di cenere.

I quattro amici trascorsero l’intera giornata insieme, nonché quella dopo e quella dopo ancora. Steve e Anna andavano a trovarli ogni giorno, ma anche Will e Angela erano ospiti a casa loro. Nel frattempo Will aveva iniziato a lavorare come insegnante di musica alla scuola del paese, mentre Angela cantava in piccole feste, ma al contempo studiava all’università per laurearsi in lettere. Invece Steve stava diventando un medico e Anna, anche lei studiava all’università con Angela. Le due sorelle erano di una bellezza da togliere il fiato, un bellezza semplice, che, senza nemmeno un velo di trucco, brillava sotto la luce della Luna di notte. Loro condividevano i loro segreti, le loro perplessità sul matrimonio qualora si presentassero e anche i loro sogni per il futuro, insomma erano vicine sempre, come d’altronde lo erano Steve e Will. Anche i due ragazzi erano inseparabili. Probabilmente gli orrori della guerra li avevano uniti ancor di più. Adesso si fidavano ciecamente l’uno dell’altro.

Passarono i giorni e i mesi e intanto i quattro nuovi sposi si ambientavano alle loro nuove vite. Anna aveva scoperto di essere incinta e lo stesso Angela. Anche quella bellissima gioia, ovvero diventare mamma, fu condivisa dalle due sorelle, nonché dai futuri padri che, ancora imbranati a riguardo, non sapevano bene come comportarsi. Will preparò per il suo bambino dei giocattoli di legno, Angela cucì il suo piccolo guardaroba e preparò delle conserve da dargli da mangiare al posto degli omogeneizzati.

Angela e Anna dovettero prepararsi a diventare madri senza in realtà un supporto materno. La madre era morta di tumore al cervello pochi anni prima e il padre si era rifugiato nell’alcool, ma loro non avevano più sue notizie da molto tempo ormai. Gli spedivano numerose lettere che però non ricevevano alcuna risposta.

Il successo di Angela come cantante e anche quello di Anna come disegnatrice aumentò di giorno in giorno, ma con la gravidanza entrambe dovettero interrompere le loro carriere. Angela firmò però un contratto con un’importante organizzazione di eventi canori, mentre Anna dipingeva sempre e metteva in vendita i suoi quadri.

Un giorno Will venne a sapere della morte del padre e così lui e Angela furono costretti a recarsi al paese natale per assistere al funerale. Fu un dolore immenso quello provocato da quella perdita. Il padre non aveva fatto in tempo per pochissimo a incontrare il suo nipotino. È come se fosse stata tolta la vita al nonno per darla al nipote.

Il giorno della nascita di Mark, il figlio di Will e Angela, era già nata da un paio di giorni anche Helena, la figlia di Steve e Anna. I due bambini crebbero insieme fino a quando le vite delle due coppie si divisero per sempre.

Una mattina Will si trovava in riva al mare e ascoltava il rumore delle onde che si infrangevano sulla sabbia. Steve quel giorno non era venuto, era il suo compleanno ma nè Will nè Angela sapevano dove fosse. Steve però non era venuto perchè era diretto altrove. Aveva preso la decisione di trasferirsi quella notte stessa quando aveva scoperto un segreto di Will che lo aveva scosso profondamente tanto da indurlo a partire subito.

https://httpdoveunapoesiapuoarrivare.home.blog/2020/05/11/il-sogno-di-charlotte-parte-13/

Deja una respuesta

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s