Elettrica Stratosferica di Alberto C.

el

Elettrica, nella lunga attesa della rivoluzione e del cambiamento sociale, aveva deciso di dare più attenzione al suo aspetto esteriore. Non che ne avesse bisogno, per carità, era giovane e come cantava quel tizio barbuto, gli eroi sono tutti giovani e belli.

E lei lo era, era bellissima, una bellezza stratosferica. Su questo non ci aveva mai messo nessun dubbio, mai un ripensamento, mai(quasi mai) un cedimento. Si va bene, la solitudine, si va bene nessuno mi fila, si va bene sono una poveraccia senza un soldo, si va bene…va bene va bene, però…

…però ho dei capelli stratosfericamente affascinanti, rossi, mossi, un po’ di lentiggini rosse…rosse…rosse…ROSSE! Che bel colore, in tutti i sensi!

Elettrica ogni tanto si lasciava alle spalle il suo lato maschiaccio per diventare una frivola ragazza. Cavolo, vent’anni se li hanno una sola volta nella vita, così diceva…qualcuno. Chi? Boh!

E al pomeriggio tardo sulla sua bicicletta sgangherata ma bellissima perché era la sua andava, pedalava, se la godeva coi capelli rossi al vento, incurante dei moscerini che le addentavano le gambe e i commenti sporcaccioni dei pescatori della domenica, ma non solo. E all’imbrunire…

…quando il sole arrossava le acque lente del grande fiume, so sentiva parte di quel rosso fuoco. Si incendiava e diventava calma e quieta come il silenzio.

Le parole fanno rumore e non portano a niente. Il silenzio è rivoluzionario!

Albert 20/8/2020

https://povertaricchezza.org/2020/08/20/elettrica-stratosferica/

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Google photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s